Incontro Pubblico: La Rivoluzione nel Futuro

lenin_2017“Senza la Rivoluzione d’Ottobre non sarebbe stata possibile la fine del colonialismo e la liberazione di decine di popoli di tutti i continenti” a dirlo fu Fidel Castro nel 20° anniversario dell’assalto al Moncada a Cuba.
A 100 anni dalla Rivoluzione dei Soviet il PCI Martina Franca presenta l’incontro pubblico:

“LA RIVULUZIONE DEL FUTURO”

Sabato 16 dicembre 2017 ore 18 – Sala Consiliare del Comune di Martina Franca

interviene
Giancarlo Girardimemorialista (PCI Taranto)
Salvatore Romeostorico
Ferdinando Dublastorico del movimento operaio
modera
Vincenzo De Giorgio

a seguire Cena Sociale con menú popolare a Km 0 presso le “Cantine Rosato” – Strada Difesa zona M, 17 – Martina Franca.

Per prenotazioni inviare un’email a pci.martina@gmail.com


COMUNICATO STAMPA

La Rivoluzione d’Ottobre cambiò non solo la Russia, ma il mondo intero, segnando la storia del Novecento. Essa è stata un potente acceleratore di profonde trasformazioni nella vita dei popoli, imprimendo una spinta di straordinario vigore alle lotte dei lavoratori in Occidente e alle rivoluzioni anticoloniali nel mondo (Oriente, Africa e America Latina).
I suoi ideali sono ancora oggi spendibili nell’era della crisi economica, globalizzazione, esportazione del sistema occidentale e omologazione capitalistica del mondo?
L’occasione del centenario, su cui non si sono accese le luci dei media, induce a una riflessione non superficiale su un evento che John Reed definì i Dieci giorni che sconvolsero il mondo.
Il Partito Comunista Italiano di Martina Franca, in collaborazione con FGCI e Associazione Culturale Marx 21, ha organizzato Sabato 16 dicembre 2017, alle ore 18.00 nella Sala Consiliare del Comune di Martina Franca, il dibattito “La Rivoluzione nel futuro. A 100 anni dalla Rivoluzione dei Soviet”. Interverranno Giancarlo Girardi – memorialista PCI, Salvatore Romeo – storico e Ferdinando Dubla – storico del movimento operaio. Introdurrà e modererà il dibattito Vincenzo De Giorgio.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.


locandina pci 16-12-2017

Dodicesimo anniversario della morte di Angelo Marotta

COMUNICATO STAMPA

Angelo MarottaA dodici anni dalla morte, Angelo Marotta non avrà ancora una strada recante il suo nome, tanto meno una cerimonia ufficiale organizzata dall’Amministrazione Comunale.
L’operaio Marotta sarà, però, ricordato dai concittadini che, attraverso il Partito Comunista Italiano, la FGCI, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e l’Associazione Sine Cura Lab, hanno organizzato la cerimonia di commemorazione alle ore 11.00 nei pressi del luogo del tragico incidente mortale, vale a dire Viale Stazione.

Le circostanze della morte di Angelo Marotta hanno scosso profondamente la società martinese tanto da supportare la richiesta di intitolazione della strada con 1207 firme, raccolte in pochissimi giorni e già consegnate nelle mani del Sindaco Franco Ancona, in occasione del decimo anniversario della scomparsa di Marotta. Tali firme sono rimaste chiuse in qualche cassetto comunale e come Comunisti non possiamo permettere che restino dimenticate.

locandina marotta 31-10-2017Anche quest’anno saremo noi, assieme alle associazioni già citate, a deporre un omaggio floreale al concittadino Marotta. Ci auguriamo che dal prossimo anno ci sia un maggior coinvolgimento delle Istituzioni e della comunità intera e che il 31 ottobre entri a far parte del cerimoniale ufficiale del Comune di Martina Franca. L’istituzione di un minuto di raccoglimento in tutti gli uffici pubblici, alle ore 10.00 del 31 ottobre, da parte dell’Amministrazione Comunale, sarebbe un gesto significativo e rappresenterebbe il giusto tributo della città all’operaio Marotta e a tutte le vittime del lavoro.

Che la memoria resti viva e che mai venga abbassata la guardia sui temi della sicurezza sul lavoro!
Ci aspettiamo che la città accolga con favore la nostra proposta e che sia partecipe in massa alla cerimonia di domani a cui presenzierà la famiglia Marotta.

Martina Franca, 30 ottobre 2017

Partito Comunista Italiano
Sezione “Antonio GRAMSCI” di Martina Franca

Presidio Antifascista ANPI Martina: Adesione PCI

locandina 28 ottobre 2017 pci

Il Partito Comunista Italiano, nei giorni scorsi, unitamente a diversi soggetti istituzionali, politici, sociali, ha chiesto di impedire la manifestazione di chiaro stampo fascista promossa da Forza Nuova per la giornata del 28 Ottobre, ricorrenza della marcia su Roma del 1922, che portò Mussolini al potere, dando inizio alla pagina più buia della storia del nostro Paese. Che non si tratti di una manifestazione genericamente “patriottica” come cercano di farla passare i suoi promotori è evidente, che non si tratti di “folclore”, termine con il quale tante, troppe manifestazioni di tal segno sono state derubricate, è altrettanto palese.
Siamo di fronte ad un’onda fascista montante, alimentata, non tanto dalla crisi in sé, quanto dai processi sociali che comporta e dalla strumentalizzazione che ne viene fatta dagli stessi potentati economici che l’hanno prodotta.
Si tratta di un’onda che trascina con se il revisionismo storico di questi anni, al quale anche qualche presunto esponente di sinistra si è prestato, in nome di una inesistente esigenza di “pacificazione nazionale”. Con tale atteggiamento altro non si è fatto che mettere sullo stesso piano vincitori e vinti, torto e ragione, dimenticando che a parti invertite la situazione sarebbe drammaticamente diversa.
In nome dei principi e dei valori sui quali si regge la nostra Repubblica, la manifestazione rievocativa di Forza Nuova non si deve tenere.
ll Partito Comunista Italiano conferma il proprio impegno antifascista e parteciperà attivamente, con supporto ideale e materiale, all’iniziativa dell’ANPI in programma sabato 28 ottobre 2017 in Piazza Roma a Martina Franca e si impegna a promuovere ogni azione possibile per respingere le nuove ondate fasciste.

Martina Franca, 27 ottobre 2017

Partito Comunista Italiano
Sezione “Antonio GRAMSCI” di Martina Franca

(clicca qui per scaricare il comunicato stampa in formato pdf)

locandina anpi 28 ottobre 2017

Comunicato Stampa – Analisi del voto Elezioni Amministrative 2017 Martina Franca

COMUNICATO STAMPA

Alla luce dei risultati delle elezioni amministrative dell’undici giugno, la Segreteria del Partito Comunista Italiano ritiene giusto esprimere alcune considerazioni.
Rispetto al 2012, a parità di elettori, questo primo turno delle elezioni comunali registra un -4% dei votanti, corrispondente a circa 1600 cittadini che hanno deciso di non votare. Questo primo dato ci porta a pensare che il disinteresse della popolazione martinese verso la politica ricalca a grandi linee l’andamento nazionale che vede crescere sempre di più l’astensionismo e l’indifferenza.
elezioni-schedeDei 29400 votanti, è assolutamente chiaro come l’elettorato si sia concentrato esclusivamente su tre coalizioni, e questo è confermato anche dall’esigua distanza, in termini numerici, che c’è tra i rispettivi candidati sindaci.
Al netto di una fetta consistente di voti nulli e non espressi, il restante 6% circa di voti validi è ripartita tra i candidati sindaci che sono stati sostenuti da una sola lista. Riteniamo che l’inganno del voto utile abbia condizionato fortemente la scelta dei cittadini, premiando le coalizioni prima ancora dei programmi presentati.
In questo contesto, il PCI registra un dato non soddisfacente, attestandoci su percentuali di pura testimonianza, che mal si conciliano con l’attività politica che svolgiamo giornalmente in città. Crediamo che la società martinese non sia pronta ad accogliere indirizzi di governo rivoluzionari e, soprattutto, di Sinistra. Le ideologie, che rappresentano diversi modi di assegnare un senso alla storia e alla politica, sono state cancellate dal favoritismo, dal clientelismo e quindi da una sostanziale rinuncia all’assegnazione di un “senso” alla vita pubblica. Una cosa è certa, analizzando i risultati elettorali, delle tre coalizioni che hanno preso più voti, due appartengono a formazioni di destra e questo dimostra ulteriormente come una vera Rivoluzione a Martina sia, almeno per ora, molto difficile da realizzare.
Registriamo, inoltre, un arretramento della coalizione guidata dall’ex sindaco Ancona, che passa dal quasi 41% al 30%, perdendo 11 punti percentuali rispetto al 2012 e allo stesso modo il PD perde 800 preferenze di lista.
Riteniamo che questa perdita di consenso sia determinata da due fattori: la politica nazionale del partito democratico, totalmente a favore dei potentati finanziari, al servizio delle multinazionali e delle banche e sempre più lontana dai bisogni reali del popolo, e la politica locale dell’amministrazione Ancona che, in molte occasioni, si è dimostrata sorda alle istanze della comunità e non ha portato a termine il programma amministrativo del 2012.
Se guardiamo alle altre formazioni maggioritarie, ci troviamo di fronte a due destre diverse, ma allo stesso tempo complementari. Da una parte, la destra più estrema che sostiene Pulito e che si fa portavoce di politiche dell’intolleranza, dell’odio, del razzismo e della violazione di diritti dell’uomo, così come sta avvenendo in queste ore a livello nazionale per l’introduzione dello “Ius Soli”; dall’altra, una destra che si reputa più centrista, che sostiene Pizzigallo e che si accompagna a partiti trasformisti, paragonabili alla Palude del periodo della Rivoluzione francese, pronti a schierarsi in base a meri interessi di parte. In definitiva, ci troviamo di fronte a tutto ciò che rappresenta l’antitesi, nella maniera più assoluta, del Partito Comunista Italiano e dei principi a cui ci ispiriamo.
manifesto candidatiIn un quadro così incerto, non potevamo certo immaginare una gestione scadente e a tratti dilettantistica della macchina elettorale. Basti pensare che all’interno di alcuni seggi si sia creata una situazione vergognosa, con presidenti incompetenti costretti a giustificare a posteriori verbali acquisiti dalla commissione elettorale. A 5 giorni dallo scrutinio non è ancora ben chiaro chi è il candidato che sarà impegnato nel ballottaggio contro Eligio Pizzigallo. Sul sito del Comune i risultati definitivi sono incompleti ed i candidati sono costretti a rivolgersi al Tar per vedere confermati i propri voti. In conclusione, siamo di fronte ad una gestione completamente inadeguata ai tempi che viviamo.
Riteniamo che ogni cittadino abbia il diritto di veder riconosciuto il proprio voto e pertanto auspichiamo una rapida soluzione della vicenda. Tuttavia, non possiamo non evidenziare l’incoerenza del partito democratico che, in nome del diritto costituzionale, ricorre al Tar e istruisce un’interrogazione parlamentare per difendere 30 voti, ma allo stesso tempo si fa promotore di una nuova legge elettorale che istituisce alte soglie di sbarramento, calpestando il diritto dei milioni di cittadini italiani che votano partiti minori. Inoltre, non possiamo tacere sul fatto che nessuno dei parlamentari firmatari della stessa interrogazione sia stato così celere in occasione di gravi incidenti all’interno di fabbriche o per chiedere spiegazione all’Electrolux, dopo il licenziamento del lavoratore Augustin Breda, solo perché denunciava condizioni di lavoro dannose per la salute.
Questo atteggiamento autoreferenziale crea una barriera insormontabile con la vera Sinistra e, alla luce di quanto fin qui dichiarato, appare evidente che al ballottaggio il Partito Comunista Italiano non sosterrà nessuna delle realtà in campo, qualunque essa sia. Ormai cresce sempre più la distanza tra ciò che riteniamo sia necessario fare per una comunità e quanto viene proposto da tutti gli altri.
Noi, nel ringraziare le elettrici e gli elettori che ci hanno votato, chi si è riconosciuto nel nostro progetto, siamo impegnati sin d’ora a dare vita ad una coerente iniziativa politica sul territorio.

Martina Franca, 16 giugno 2017

Partito Comunista Italiano
Sezione “Antonio GRAMSCI” di Martina Franca

Foto del Comizio Elettorale del 04/06/2017 con Mauro ALBORESI

Immagini le comizio elettorale per le elezioni amministrative del Comune di Martina Franca(TA) 04-06-2017

Interventi di:

★ Franco Massafra (Candidato Sindaco PCI)

★ Franco De Mario (Segretario Regionale PCI Puglia)

★ Mauro Alboresi (Segretario Nazionale del PCI)

Comizio del Segretario Nazionale del PCI Mauro ALBORESI a Martina Franca

comizio alboresi

COMUNICATO STAMPA

La drammatica situazione lavorativa degli operai del centro siderurgico di Taranto, associata all’irrisolta questione ambientale e all’emergenza sanitaria che coinvolge tutta la provincia Jonica, è tra le priorità del Partito Comunista Italiano, sia locale che nazionale.
Proprio in questo drammatico contesto, nella giornata di domenica, il PCI ha organizzato diverse iniziative per presentare le proposte del partito ai cittadini dei maggiori centri della Provincia, Taranto e Martina Franca, impegnate in questi giorni nella tornata elettorale per il rinnovo delle amministrazioni comunali, e a farlo sarà proprio il segretario nazionale, Mauro Alboresi.

Mauro Alboresi, nato a Bologna nel 1955, ha lavorato dal 1970 al 1985 come operaio metalmeccanico e successivamente come educatore professionale. A partire dal 1985 ha svolto attività sindacale presso la CGIL, come Segretario regionale della Funzione Pubblica Emilia-Romagna (1988-1992), Responsabile nazionale del comparto Socio-Sanitario-Assistenziale-Educativo privato e dell’Ufficio Handicap (1992-1999) e Responsabile regionale del Dipartimento welfare, cooperazione e Terzo Settore (1999-2003).
Dal 2003 è Segretario della Camera del Lavoro Metropolitana di Bologna con delega alle politiche del welfare, abitative e per la sicurezza, alle riforme istituzionali, al rapporto con le Autonomie Locali, alla contrattazione territoriale, alla Cooperazione e al Terzo Settore.
Nel giugno del 2016 è stato eletto Segretario Nazionale nel congresso fondativo del PCI.Franco De Mario PCI

Alboresi, assieme al Segretario Regionale del PCI Franco De Mario, interverrà al comizio elettorale a sostegno del Candidato Sindaco Franco Massafra, in programma domenica 4 giugno 2017, alle ore 20 in piazza XX Settembre.

A seguire, iscritti, simpatizzanti e sostenitori potranno partecipare alla cena di autofinanziamento che si terrà presso la Casa Vinicola Rosato, in via Difesa 117, zona M.

cena autofinanziamento

72° anniversario della LIBERAZIONE – 25 aprile 2017

locandina pci 25 aprile 2017

COMUNICATO STAMPA

“Il Partito Comunista Italiano sarà in piazza il 25 Aprile per ricordare la festa più bella e significativa della storia italiana e invita i suoi militanti e tutti i sinceri democratici a partecipare alle iniziative che si terranno nel Paese, per ribadire ancora una volta il valore della Resistenza, della Liberazione e della Pace” questo è il messaggio inviato della Segreteria Nazionale del partito alle sezioni del territorio nazionale.

I Comunisti martinesi, così come negli anni passati, saranno in piazza il giorno della Festa della Liberazione al fianco dalla sezione ANPI “fratelli Carucci” e parteciperanno alla manifestazione antifascista in programma alle ore 10 in Piazza Vittorio Veneto, al successivo banchetto in piazzetta Sant’Antonio e all’interessantissima iniziativa pubblica dedicata alla Resistenza vista con gli occhi dei bambini, a partire dalle ore 18 presso l’ass. Sine Cura Lab, in via Cavour 16.


Per maggiori informazioni invitiamo a visitare il sito web dell’ANPI di Martina Franca (http://martinafranca.anpi.it/) o la pagina facebook (https://www.facebook.com/anpi.martinafranca)

Locandina anpi 25 aprile 2017

Incontro Pubblico 7 aprile 2017: “Rinasce il PCI – la proposta politica”

Immagine

locandina pci 7-4-2017 COMUNICATO STAMPA

In Italia, negli ultimi 26 anni, le condizioni dei lavoratori sono migliorate? I giovani possono liberamente esprimere il proprio potenziale? Abbiamo conquistato più Diritti o li abbiamo persi? La Società é avanzata o si é imbarbarita?
Dopo aver risposto a tutte queste domande, pensi ancora che sia utopistico parlare di Partito Comunista Italiano?
Se, al contrario, ritieni opportuno riprendere il cammino verso una società più giusta, ti aspettiamo VENERDÌ 7 APRILE 2017 alle ore 18 presso la Sala delle Pianelle (Palazzo Ducale).

E’ questo il messaggio con cui invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare all’incontro pubblico per presentare il progetto politico comunista per la nazione e per la città. E’ un messaggio che racchiude un’idea socialista di una società diversa e migliore perché, al contrario di quanto si pensi, noi comunisti ci sentiamo assolutamente moderni e rivolti al futuro. Infatti, concetti come condizioni di lavoro migliori, libertà di esprimere il proprio potenziale, conquista dei diritti, avanzamento della società e giustizia sociale sono quanto di più moderno e innovativo la politica attuale possa offrire e rappresentano, insieme alla questione Meridionale e alla difesa del territorio, il nostro obiettivo a medio e lungo termine.
L’idea liberista di avvantaggiare i padroni a discapito dei lavoratori, per creare condizioni economiche favorevoli, ha prodotto solo effetti nefasti nella popolazione mondiale.
Le guerre, inoltre, figlie degli interessi delle multinazionali, producono giornalmente migliaia di morti anche tra la popolazione più giovane e indifesa.
Continua a leggere