Comunicato PCI Martina Franca – 100 anni della nascita del Partito Comunista d’Italia

Share

pci 100 anni

COMUNICATO STAMPA

Il 21 gennaio 2021 ricorre il centesimo anno della nascita del Partito Comunista d’Italia. Questa data non rappresenta una semplice ricorrenza, ma ricorda l’avvenimento più significativo per i lavoratori e le classi meno abbienti del nostro Paese. Cento anni fa, un gruppo di uomini e donne, riunitisi nel teatro San Marco di Livorno, posero le basi per un progetto di progresso, democrazia e libertà che ancora oggi è il cardine della nostra Repubblica.

Dapprima la clandestinità, le persecuzioni, le deportazioni e le esecuzioni dei Comunisti ad opera dei fascisti; poi, l’impegno nella Resistenza, la lotta nelle Brigate Garibaldi e nelle altre formazioni partigiane, la Liberazione, le Repubblica Democratica e La Costituzione. Questo è stato il lavoro dei Comunisti nei primi 25 anni di esistenza. Successivamente, hanno portato i Lavoratori nelle Istituzioni, dai piccoli Comuni al Parlamento, hanno sostenuto durissime battaglie per ottenere Diritti sociali e civili, hanno conquistato lo Statuto dei Lavoratori. Il PCI non è stato solo l’avanguardia del Movimento Operaio e Studentesco, ma è stato anche un partito che fin dagli arbori ha azzerato le differenze di genere nella vita politica; basti pensare che la prima Segretaria Nazionale è stata una Donna, Camilla Ravera.

Tuttavia, a distanza di cento anni, gli obiettivi prefissi dai Costituenti Comunisti non sono stati raggiunti. Viviamo in una nazione in cui è ancora evidente un forte divario tra le classi sociali, tra chi lavora e chi gestisce il profitto, tra chi accumula grandi capitali e chi a stento riesce a procurarsi da mangiare, tra chi può permettersi le migliori cure e chi trascura la propria salute a causa delle difficoltà economiche e sociali, tra chi ha diverse proprietà e chi non ha un tetto sotto cui ripararsi.

Queste sono le contraddizioni che i Comunisti vogliono abbattere e per questo continueranno la strada intrapresa cento anni fa che condurrà la società verso il socialismo. Facciamo appello ai lavoratori, ai precari, ai disoccupati, agli studenti e a tutti coloro che ritengono utile cambiare lo stato di cose esistenti, affinché si uniscano e supportino il PCI. La storia ha dimostrato che si può fare in Italia come nelle altre parti del mondo.

Facciamo nostre le parole di Antonio Gramsci, padre fondatore del Comunismo italiano, e il suo appello sempre vivo: “Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza.”

Martina Franca, 20 gennaio 2021

Trententennale della morte del Senatore Vito Consoli

Share

logo associazione marx21

COMUNICATO STAMPA – Associazione Marx XXI Martina Franca

Nel trentennale della morte del Senatore Vito Consoli, l’Associazione Culturale Marx XXI ha organizzato l’incontro pubblico “L’impegno, la passione, le azioni di un grande politico martinese”.

L’evento, che ha ottenuto il Patrocinio del Senato della Repubblica e del Comune di Martina Franca, si terrà sabato 16 novembre 2019 alle ore 18.30, presso la sala consiliare del Palazzo Ducale.

Vito Consoli ha rappresentato un punto di riferimento politico non solo per Martina Franca, ma anche per le città di Roma e Palermo, dove mosse i primi passi nella FGS (Federazione Giovanile Socialista) e successivamente nel Movimento Socialisti Autonomi.
vito consoliRientrato a Martina nel 1970, si impegnò da subito con l’Alleanza Contadina per la difesa dei diritti dei coltivatori martinesi sfruttati.
L’impegno sindacale con la CGIL e l’azione politica nelle fila del PCI lo portò ben presto ad essere candidato in giovane età al Senato della Repubblica, dove venne eletto per due legislature, la IX (1983 – 1987) e la X (1987 – 1989).
La passione politica, sempre espressa con veemenza e con rispetto, fu alla base delle grandi battaglie condotte all’interno del Consiglio comunale di Martina Franca, dove ricoprì la carica di Consigliere comunale comunista dal 1985 al 1989.
Vito Consoli, uomo schietto e coraggioso, combatté a viso aperto il fenomeno mafioso denunciando fatti e malavitosi, fu un grande sostenitore della Questione Morale e dedicò tutto il mandato istituzionale alla “Questione Taranto” e Meridionale.

L’attività del Senatore Vito Consoli ha prodotto i migliori frutti mai raccolti dalla comunità martinese e non è un caso se a distanza di 30 anni è ancora possibile trovare in città gli adesivi recanti la scritta: “Lontano dagli intrighi, vicino ai cittadini. Vota Vito Consoli”.

L’iniziativa pubblica di sabato prossimo ha, quindi, la finalità di ricordare la figura umana e politica di Vito Consoli, ma soprattutto di diffondere il suo operato energico e garbato tra le nuove generazioni di cittadini.

Martina Franca, 14 novembre 2019

ASSOCIAZIONE POLITICO-CULTURALE MARX XXI

manifesto vito consoli web

Comunicato PCI Martina Franca – Incidente mortale Ex-Ilva di Taranto

Share

BASTA MORIRE SUL LAVORO

Un’altra morte sul lavoro ci ricorda che è il mercato ed il profitto che governano le vite dei lavoratori. Sono i tempi della produzione, della consegna delle merci e l’organizzazione padronale del lavoro all’origine delle morti.
L’operaio è ormai considerato un elemento non pensante, al pari delle macchine con cui lavora, un esecutore di compiti a cui non è concesso pensare né alla propria sicurezza né a quella dei propri compagni. La morte di Cosimo Massaro verrà considerata un infortunio frutto della fatalità così come avvenne nel caso di Francesco Zaccaria, Alessandro Morricella e di tutti gli operai che hanno pagato con il prezzo della propria vita il diritto di lavorare e vivere dignitosamente.

CAMBIA IL PADRONE MA I MORTI SONO SEMPRE GLI STESSI!

Noi Comunisti non ci rassegniamo alla fatalità; riteniamo inaccettabile che i lavoratori muoiano sul lavoro per mano di imprenditori spregiudicati che badano solo al proprio profitto sulla pelle degli operai. Vogliamo che l’impianto ex-Ilva di Taranto venga RISANATO SIA DENTRO CHE FUORI.

pci volantino 2019-07-16 - incidente mortale Acciaieria TarantoIl Governo attuale, in continuità con quelli precedenti, considera primarie le ragioni dei capitalisti e non dei lavoratori e cittadini di Taranto. La sottomissione dell’Esecutivo Lega-Movimento5Stelle all’attuale proprietà ArcelorMittal Italia arriva al punto tale da non contrastare con la dovuta autorevolezza il consueto ricatto occupazionale, finalizzato ad ottenere la reintroduzione dell’immunità penale.
In questi anni, lo stabilimento è stato considerato “di interesse strategico nazionale” solo per tutelare i padroni. Noi ci chiediamo: perché proprio un sito di così tanto interesse strategico nazionale resta nelle mani di privati? È normale che questa immensa risorsa non sia gestita direttamente dallo Stato, nell’interesse dell’economia e della salute del territorio tarantino e del Mezzogiorno d’Italia?

Noi COMUNISTI chiediamo da anni la ri-nazionalizzazione della fabbrica siderurgica di Taranto, affinché venga avviata una seria e definitiva azione di manutenzione degli impianti, di messa in sicurezza dei lavoratori e la tanto attesa attività di risanamento ambientale.

Martina Franca, 16 luglio 2019

simbolo pci web

PARTITO COMUNISTA ITALIANO – Sezione “Antonio Gramsci” Martina Franca (TA)

25 aprile 2019 – Festa della Liberazione

Share

25 aprile 2019 pci
Il Ministro Salvini ha dichiarato che diserterà le celebrazioni del 25 aprile. Gli Antifascisti di tutt’Italia gli risponderanno con una grande partecipazione di popolo: a conferma dei valori della lotta di Liberazione e della necessità di continuare a resistere e ad indignarci ancor’oggi. I Comunisti martinesi saranno in piazza, con l’Anpi e con tutte le forze antifasciste ed antirazziste. Tutta la cittadinanza è invitata!

locandina 25 aprile 2019 anpi Martina Franca web

Di seguito riportiamo il comunicato della Segreteria nazionale PCI a firma di Patrizio Andreoli

Perché questo 25 aprile vale doppio

“La lotta a camorra, ‘ndrangheta e mafia è la nostra ragione di vita. Il 25 aprile non sarò a sfilare qua o là, fazzoletti rossi, fazzoletti verdi, neri, gialli e bianchi. Vado a Corleone a sostenere le forze dell’ordine”. Questo quanto dichiarato da Matteo Salvini. Il messaggio ci pare chiaro. Disprezzo verso l’ispirazione e le radici antifasciste della Repubblica, e provocazione politica. Da un lato sembra dire che mentre altri perdono tempo in celebrazioni io lavoro e faccio (tra l’altro, come se la mafia la combattesse solo lui); dall’altro conferma come il 25 aprile non sia per il Ministro festa nazionale importante e dunque, somma di valori e memoria civile comune che meritano di essere ricordati e valorizzati; tant’è che egli ha altro da fare. Sentiamo già gli applausi e il batter di tacchi di tutta la destra estrema italiana che gongola in questi tempi bui di razzismo xenofobo ed omofobo, e dei vecchi e nuovi fascisti che rialzano la testa nell’onda di un nuovo vento nero. D’altro canto egli ha buoni precedenti. Berlusconi non ha mai partecipato ad alcuna cerimonia pubblica per la Liberazione. Nel 1994, capo del governo in pectore, l’ufficio stampa di Forza Italia fece sapere che il leader non si era unito alla grande manifestazione antifascista di Milano, ma aveva fatto celebrare una messa nella cappella privata di villa San Martino. Nel 2002, tornato a capo del Governo, mentre Ciampi insigniva la città di Ascoli con la medaglia d’oro alla Resistenza, era in Sardegna “per qualche giorno di relax”. L’anno successivo disertando la solenne cerimonia voluta per la prima volta da Ciampi al Quirinale, era di nuovo in villa a Porto Rotondo… E’ la “memoria che non passa”. L’irritazione politica, il rigetto storico ed il dispregio della destra italiana verso il più grande evento partecipativo di massa realizzatosi nella storia d’Italia. Un protagonismo, una coscienza attiva, un prender su di sé il proprio destino, che ancora non vanno giù, spaventano lor signori, restando limpido esempio di saldatura tra aspirazioni alla libertà e richiesta di cambiamento e giustizia sociale. Tanti buoni motivi, allora come oggi, per fare del prossimo 25 aprile occasione per un grande sussulto democratico, così come avvenuto poche settimane fa a Prato contro l’adunata fascista di Forza Nuova. Con una differenza rispetto ad allora. Che in questo quarto di secolo la nostra società si è fatta più povera e stracciona, più culturalmente involgarita, molto più bisognosa di lavoro e di speranza di un tempo. Ecco perché quest’anno, tale ricorrenza deve valere doppio! Chi è antifascista il 25 aprile sia a festeggiare col nostro popolo che in quella data ritrovò (e a quale prezzo!) le perdute libertà. Sia a festeggiare con la parte migliore del Paese che non si arrende e rilancia una nuova quotidiana resistenza al peggio. Sì, perché senza retorica, per noi la Resistenza continua e di una nuova Resistenza vi è gran bisogno! E a proposito di volgarità, va pur detto di come sia inaccettabile che Salvini si copra dietro la sacrosanta lotta alla mafia, per disertare la più significativa e bella ricorrenza civile nazionale. Egli continua a mostrarsi ovunque col giubbotto delle forze di Pubblica Sicurezza come se le stellette che esse portano, non fossero anch’esse frutto della Lotta di Liberazione e della conquistata Repubblica. Un dettaglio che forse neanche conosce e verso cui -se lo conosce- non ha interesse o addirittura ritiene irrilevante. L’altro dettaglio (trascurabile anche questo?) è che ha giurato sulla Costituzione scritta col sangue di sessantamila caduti e feriti partigiani. Davvero tutto ciò è tollerabile? Il Presidente del Consiglio Conte non ha niente da dire? Attenzione, perché ci sono segnali gravi che attraversano il Paese e si scaricano ormai come gragnole sulla coscienza democratica, che valgono da soli più di una campagna elettorale. La scelta del Ministro degli Interni non è gesto di piccola furbizia e camaleontismo italico buono per qualche battuta. E’ scelta di lotta politica. E’ segnale dato ad un universo sociale, economico e culturale preciso, dato al ventre cupo del Paese e al neofascismo nazionale. Ecco perché per i comunisti il vento fischia ancora. Bisogna continuare a lottare e a indignarci: il 25 aprile, e per tutto il resto del calendario.

Comunicato Stampa – Sostegno al Collettivo 080 Liceo Tito Livio

Share

COMUNICATO STAMPA

Il PCI di Martina Franca è solidale con gli studenti del Collettivo 080 e tutti gli studenti del Liceo Tito Livio per la mancata autorizzazione al seminario di educazione all’affettività e di cultura delle differenze.
Riteniamo che sia stata persa un’importante occasione da parte dell’Istituzione scolastica per affermare il ruolo di guida educativa e culturale nei confronti della popolazione scolastica.
Così come previsto dagli articoli 42 e 43 del Regolamento approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n°6 del 19.12.2011 e successive modificazioni, è ammesso l’utilizzo delle ore destinate all’effettuazione delle assemblee d’istituto per attività parascolastiche quali “conversazioni culturali e seminari di studio attinenti a problematiche di orientamento, educazione ambientale, educazione alla salute, educazione stradale, ecc.” ed è inoltre previsto che a tali assemblee possano “partecipare operatori esterni alla Scuola, appartenenti a organismi culturali o sociali presenti sul territorio e, comunque, notoriamente in possesso di requisiti professionali adeguati alla attività parascolastica sostitutiva dell’assemblea”. In tale regolamento non è menzionata nessuna autorizzazione preventiva dei genitori così come richiesto del Preside Giovangualberto Carducci.
differenzeNegare un seminario di educazione all’affettività e di cultura delle differenze denota una visione ristretta e ingabbiata della realtà sociale, specie quella delle nuove generazioni, in cui non mancano sensibilità e interesse per l’argomento. A conferma di ciò plaudiamo con entusiasmo all’iniziativa dei giovani studenti dell’Istituto Alberghiero di Brindisi che, a seguito della comparsa di scritte omofobe nei confronti di uno studente minorenne della terza classe, hanno manifestato contro il vile attacco alla libertà personale e di autodeterminazione del giovane riuscendo a portare in piazza anche gli studenti di altri istituti superiori della città.
Una scuola che è miope rispetto a tali avvenimenti, che non riesce a leggere l’evoluzione della sensibilità delle nuove generazioni, che non interviene con autorevolezza alla richiesta di aiuto degli studenti, è una scuola che ha intrapreso la strada della trasmissione acritica e nozionistica dei saperi.
Chiediamo alla scuola di riappropriarsi della funzione sociale a cui è delegata, quella di elevare culturalmente e spiritualmente i futuri cittadini di domani e di azzerare le differenze di ordine sociale ed economico degli studenti rendendoli soggetti attivi di un processo di crescita condiviso.

Martina Franca, 10 febbraio 2019 

Partito Comunista Italiano – Sezione “Antonio Gramsci” – Martina Franca
simbolo pci web

25 Aprile 2018 – Festa della Liberazione

Share

manifesto 25 aprile pci

COMUNICATO STAMPA PCI – 25 aprile 2018

Sono passati 73 anni da quel 25 aprile del 1945 che ridiede la Libertà ad un paese piegato dalla dittatura nazifascista, ma gli ideali della Resistenza sono più vivi che mai.
Assistiamo quotidianamente ad atti violenti di stampo terrorista e fascista, non da ultimo l’episodio del raid xenofobo contro inermi e innocenti immigrati, colpevoli solo di avere un colore di pelle diverso dall’aggressore.
Il vile e strisciante virus dell’odio si sta paurosamente insinuando nella società, facendo passare per ordinaria credenza ciò che in anni passati veniva scritto all’interno delle leggi razziali e fascistissime, promulgate dal governo Mussolini.
Questa preoccupante perdita di memoria e d’identità nazionale risulta maggiormente aggravata dall’atteggiamento che le stesse Istituzioni Repubblicane assumono di fronte ad idee oscurantiste e razziste, diffuse tranquillamente nella vita quotidiana di tutti noi, in nome di una camuffata libertà di pensiero.
A tali pratiche malsane, ed ignoranti, replichiamo con le parole di un grande Partigiano e grandissimo Presidente della Repubblica, Sandro Pertini: «Io non sono credente, ma rispetto la fede dei credenti; io sono socialista, ma rispetto la fede politica degli altri e la discuto, polemizzo con loro, ma loro sono padroni di esprimere liberamente il pensiero. Il fascismo no, il fascismo lo combatto con altro animo: il fascismo non può essere considerato una fede politica; il fascismo è l’antitesi delle fedi politiche, il fascismo è in contrasto con le vere fedi politiche perché il fascismo opprimeva chi non la pensava come lui».
Noi Comunisti partiamo dalle parole del Presidente Pertini, socialista ed antifascista, Padre della Costituzione e oppresso che ha subito il carcere fascista ed il 25 aprile lo ricorderemo, insieme a quei Comunisti martinesi che si sono adoperati per donare la Libertà all’Italia.
Il 25 aprile 2018 alle ore 18.30 in piazza XX settembre dedicheremo un pubblico comizio a tutti i Partigiani ed in particolare a Pietro Carucci, operaio e partigiano della Brigata Garibaldi deportato a Mauthausen; Cosimo Massafra, bracciante agricolo e deportato nel campo di lavoro di Hannover; Angelo Carucci, operaio e partigiano della Brigata Garibaldi; Teresa Vavassori, staffetta partigiana con il nome di battaglia Rina e Sebastiano Carucci, professore, acclamato dal popolo primo sindaco di Martina Franca, in rappresentanza del CNL (Comitato di Liberazione Nazionale), e successivamente Senatore del PCI.
Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare alle iniziative del 25 aprile, a cominciare da quelle organizzate dall’Anpi e dalle associazioni locali, e a vivere la giornata della Liberazione come una rinnovata occasione di fedeltà agli ideali patriottici della Resistenza e della Costituzione Repubblicana.
W i Partigiani, W la Resistenza, W il 25 aprile!

PCI – Sezione “Gramsci” Martina Franca (TA)

Incontro Pubblico: La Rivoluzione nel Futuro

Share

lenin_2017“Senza la Rivoluzione d’Ottobre non sarebbe stata possibile la fine del colonialismo e la liberazione di decine di popoli di tutti i continenti” a dirlo fu Fidel Castro nel 20° anniversario dell’assalto al Moncada a Cuba.
A 100 anni dalla Rivoluzione dei Soviet il PCI Martina Franca presenta l’incontro pubblico:

“LA RIVULUZIONE DEL FUTURO”

Sabato 16 dicembre 2017 ore 18 – Sala Consiliare del Comune di Martina Franca

interviene
Giancarlo Girardimemorialista (PCI Taranto)
Salvatore Romeostorico
Ferdinando Dublastorico del movimento operaio
modera
Vincenzo De Giorgio

a seguire Cena Sociale con menú popolare a Km 0 presso le “Cantine Rosato” – Strada Difesa zona M, 17 – Martina Franca.

Per prenotazioni inviare un’email a pci.martina@gmail.com


COMUNICATO STAMPA

La Rivoluzione d’Ottobre cambiò non solo la Russia, ma il mondo intero, segnando la storia del Novecento. Essa è stata un potente acceleratore di profonde trasformazioni nella vita dei popoli, imprimendo una spinta di straordinario vigore alle lotte dei lavoratori in Occidente e alle rivoluzioni anticoloniali nel mondo (Oriente, Africa e America Latina).
I suoi ideali sono ancora oggi spendibili nell’era della crisi economica, globalizzazione, esportazione del sistema occidentale e omologazione capitalistica del mondo?
L’occasione del centenario, su cui non si sono accese le luci dei media, induce a una riflessione non superficiale su un evento che John Reed definì i Dieci giorni che sconvolsero il mondo.
Il Partito Comunista Italiano di Martina Franca, in collaborazione con FGCI e Associazione Culturale Marx 21, ha organizzato Sabato 16 dicembre 2017, alle ore 18.00 nella Sala Consiliare del Comune di Martina Franca, il dibattito “La Rivoluzione nel futuro. A 100 anni dalla Rivoluzione dei Soviet”. Interverranno Giancarlo Girardi – memorialista PCI, Salvatore Romeo – storico e Ferdinando Dubla – storico del movimento operaio. Introdurrà e modererà il dibattito Vincenzo De Giorgio.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.


locandina pci 16-12-2017

Dodicesimo anniversario della morte di Angelo Marotta

Share

COMUNICATO STAMPA

Angelo MarottaA dodici anni dalla morte, Angelo Marotta non avrà ancora una strada recante il suo nome, tanto meno una cerimonia ufficiale organizzata dall’Amministrazione Comunale.
L’operaio Marotta sarà, però, ricordato dai concittadini che, attraverso il Partito Comunista Italiano, la FGCI, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e l’Associazione Sine Cura Lab, hanno organizzato la cerimonia di commemorazione alle ore 11.00 nei pressi del luogo del tragico incidente mortale, vale a dire Viale Stazione.

Le circostanze della morte di Angelo Marotta hanno scosso profondamente la società martinese tanto da supportare la richiesta di intitolazione della strada con 1207 firme, raccolte in pochissimi giorni e già consegnate nelle mani del Sindaco Franco Ancona, in occasione del decimo anniversario della scomparsa di Marotta. Tali firme sono rimaste chiuse in qualche cassetto comunale e come Comunisti non possiamo permettere che restino dimenticate.

locandina marotta 31-10-2017Anche quest’anno saremo noi, assieme alle associazioni già citate, a deporre un omaggio floreale al concittadino Marotta. Ci auguriamo che dal prossimo anno ci sia un maggior coinvolgimento delle Istituzioni e della comunità intera e che il 31 ottobre entri a far parte del cerimoniale ufficiale del Comune di Martina Franca. L’istituzione di un minuto di raccoglimento in tutti gli uffici pubblici, alle ore 10.00 del 31 ottobre, da parte dell’Amministrazione Comunale, sarebbe un gesto significativo e rappresenterebbe il giusto tributo della città all’operaio Marotta e a tutte le vittime del lavoro.

Che la memoria resti viva e che mai venga abbassata la guardia sui temi della sicurezza sul lavoro!
Ci aspettiamo che la città accolga con favore la nostra proposta e che sia partecipe in massa alla cerimonia di domani a cui presenzierà la famiglia Marotta.

Martina Franca, 30 ottobre 2017

Partito Comunista Italiano
Sezione “Antonio GRAMSCI” di Martina Franca

Presidio Antifascista ANPI Martina: Adesione PCI

Share

locandina 28 ottobre 2017 pci

Il Partito Comunista Italiano, nei giorni scorsi, unitamente a diversi soggetti istituzionali, politici, sociali, ha chiesto di impedire la manifestazione di chiaro stampo fascista promossa da Forza Nuova per la giornata del 28 Ottobre, ricorrenza della marcia su Roma del 1922, che portò Mussolini al potere, dando inizio alla pagina più buia della storia del nostro Paese. Che non si tratti di una manifestazione genericamente “patriottica” come cercano di farla passare i suoi promotori è evidente, che non si tratti di “folclore”, termine con il quale tante, troppe manifestazioni di tal segno sono state derubricate, è altrettanto palese.
Siamo di fronte ad un’onda fascista montante, alimentata, non tanto dalla crisi in sé, quanto dai processi sociali che comporta e dalla strumentalizzazione che ne viene fatta dagli stessi potentati economici che l’hanno prodotta.
Si tratta di un’onda che trascina con se il revisionismo storico di questi anni, al quale anche qualche presunto esponente di sinistra si è prestato, in nome di una inesistente esigenza di “pacificazione nazionale”. Con tale atteggiamento altro non si è fatto che mettere sullo stesso piano vincitori e vinti, torto e ragione, dimenticando che a parti invertite la situazione sarebbe drammaticamente diversa.
In nome dei principi e dei valori sui quali si regge la nostra Repubblica, la manifestazione rievocativa di Forza Nuova non si deve tenere.
ll Partito Comunista Italiano conferma il proprio impegno antifascista e parteciperà attivamente, con supporto ideale e materiale, all’iniziativa dell’ANPI in programma sabato 28 ottobre 2017 in Piazza Roma a Martina Franca e si impegna a promuovere ogni azione possibile per respingere le nuove ondate fasciste.

Martina Franca, 27 ottobre 2017

Partito Comunista Italiano
Sezione “Antonio GRAMSCI” di Martina Franca

(clicca qui per scaricare il comunicato stampa in formato pdf)

locandina anpi 28 ottobre 2017